|

Il circo illustrato

di Claudio Monti

La copertina del numero dedicato al circo (C.L.O.W.N.) è di Michele Nolli. Tecnica, matita e colorazione digitale

Il regno dell’illustrazione è un mondo di meravigliosa bellezza che l’era di internet e della società tecnologica hanno messo a dura prova ma non oscurato. E’ un’arte antica, che accompagna da secoli la diffusione della cultura, il piacere della lettura, che veicola un sapere alla portata di tutti (si pensi alle miniature realizzate dai monaci nel medioevo). Oggi non è sulla via del tramonto, anzi pullula di vita, anima e colora case editrici, riviste, mostre, addirittura una associazione di categoria con tanto di codice deontologico, l’associazione illustratori. Quale legame col circo? Più d’uno. La casa editrice Logos (già nota ai nostri lettori per Circus le bellissime tavole a carboncino di Ana Juan), che è diventata il punto di riferimento di questo segmento editoriale, dal suo quartier generale di Modena ha dato vita un anno fa alla rivista Illustrati (la pagina facebook), un prodotto che ogni volta rapisce e si fa sfogliare con gusto e interesse. Una scommessa, che si può dire vinta, lanciata a “chi crede nell’illustrazione come fonte narrativa” – si leggeva nel numero zero – nella convinzione che “gli illustrati sono l’arma segreta del mercato editoriale del futuro, gli ipnotizzatori delle masse” e come tali “meritano uno spazio più grande in libreria e nella vita quotidiana di ognuno di noi”. L’ultimo numero, marzo 2012, raccoglie i lavori legati al concorso che la rivista ha lanciato sul tema del circo e il titolo è Animali da circo. “…affascinati guardiamo. Con le fauci spalancate. Pronti a ringhiare di piacere. E impazienti attendiamo il prossimo stupefacente numero che ci distragga dalla noia della nostra vita. Così perbene. Così normale”. Illustrati si apre con questa suggestione, che porta la firma di Lina Vergara Huilcaman, e a lei ci siamo rivolti per capire cosa muova questa iniziativa. Lina è editore e art director di Logos, oltreché presidente della società Inter Logos, mente e responsabile del progetto Illustrati.

Claudia Palmarucci, CI-RC-US, la tecnica unisce olio e matita su carta

Perché avete pensato al tema del circo? Quali sono le ragioni che vi hanno spinto in questa direzione?
Il circo mi ha sempre appassionato e convinta come sono di non essere l’unica, ho presupposto che affascinasse anche gli altri… Inoltre il tema aveva la pretesa, non sempre colta, di allargarsi, di andare anche all’esterno del tendone, per cogliere qualche particolare di quel grande spettacolo di cui facciamo parte tutti i giorni. Era un tema che voleva anche provocare, vedere chi poteva andare oltre e cogliere a pieno il titolo “animali da circo”.
Qual è stata la risposta che avete ottenuto e come valuta i lavori pervenuti?
La risposta è stata maggiore di quello che mi aspettavo: 940 tra illustrazioni e fotografie e parecchi testi, che invece solitamente erano molto pochi. Li valuto in base al mio gusto, lo so che sembra poco democratico, ma è una rivista gratuita fatta per puro piacere e poche pretese, che sta andando molto bene. Tengo conto delle capacità tecniche ma soprattutto di quelle espressive, della capacità di cogliere il tema e la sottile ironia che mi piace ci sia in Illustrati, che non vuole essere manifesto di nulla ma è volutamente libero da qualsiasi vincolo.

Francesca Morici, senza titolo, pastelli ad olio

A quale pubblico si rivolge la rivista?
Si rivolge a tutti, principalmente agli appassionati di illustrazione, ma credo che possa piacere a chiunque ami il disegno, la letteratura, le manifestazioni della cultura in genarale e che non abbia troppi limiti nella propria tolleranza.
Perché Logos ha deciso di puntare sull’illustrazione e quali risultati sta ottenendo?
I risultati sono buoni, ma stiamo parlando di percentuali piccole, è un genere di nicchia che però ha grandi potenzialità soprattutto se diretto agli adulti. Se si vendono i fumetti perché non si dovrebbero vendere i libri illustrati per adulti? Perché poi credere che l’arte si limiti alla pittura e alla scultura e non anche all’illustrazione? E perché credere che si possano leggere solo le lettere e che un libro illustrato non sia anch’esso narrativa? E, in ultimo, perché pensare che ai bambini piaccia leggere solo tenere favole con animaletti simpatici e buoni e talvolta un lupo che nel tempo sta diventando sempre più smidollato?

Benjamin Parker (Byclops Illustration), The last flying pig. Inchiostro, grafite e tecnica mista

E nell’era dell’iPhone c’è un pubblico che ama questo genere di arte?
Nell’era dell’iPhone dove la comunicazione è velocissima c’è spazio e pubblico per tutto, non credo che il digitale sia nemico dell’illustrazione, si può coesistere e non dimentichiamo che l’illustrazione si dirige sempre più spesso verso il cinema, e dunque che veicolo migliore di un iPhone o un Android per vedere un filmato in qualsiasi momento?
Qual è l’arma di seduzione sulla quale fa leva l’illustrazione?
La mancanza di parole… Siamo talmente vincolati dai codici, dai modelli, dai limiti che ci autoimponiamo che di fornte all’illustrazione, come un tempo di fronte all’arte, siamo liberi di vedere, pensare e immaginare quello che vogliamo, aiutati dall’artista che, quanto più è bravo tanto più grande è l’universo che spalanca davanti ai nostri occhi.
Un’illustrazione racchiude e sussurra un mondo di cose lette, viste, dette e non dette, vissute e non vissute.

Aka B, Partenza triste. Tecnica, trucchi da clown

Pensa che il mondo del circo e la sua arte possano essere raccontati bene con lo strumento della illustrazione?
Il circo ha in sé tutti gli elementi immaginifici che solleticano la creatività: le luci, lo spettacolo, gli animali, i poveri animali, le bestie feroci, le bestie umane, il puzzo delle fiere, i freaks, i fenomeni, ma anche la bellezza e la leggerezza dei trapezisti e delle contorsioniste… ha la fascinazione della magia e dentro di sé la musica dello spettacolo. E comunque l’illustrazione non ha limiti…può raccontare anche il nero. Come le parole, se ben scritte, possono fare conoscere universi interi.
Un tempo l’illustrazione veniva utilizzata molto anche sulla stampa, penso ad esempio alle bellissime copertine della Domenica del Corriere, diverse delle quali fra l’altro dedicate ad episodi legati al circo. Ritiene che anche oggi l’illustrazione potrebbe essere un buon veicolo di notizie?
Credo che sia una tendenza che sta ritornando, basta guardarsi in giro, anche se non è più sola com’è giusto che sia. L’illustrazione è divenuta arte come la fotografia e entrambe sono perfette per narrare e comunicare.

Gli autori delle illustrazioni che pubblichiamo:

Michele Nolli

Claudia Palmarucci

Benjamin Parker (Byclops Illustration)

Aka B

Francesca Morici

Short URL: http://www.circo.it/?p=16509

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...