|

Assemblea ENC: una piattaforma condivisa per il futuro del circo italiano

Assemblea partecipata, e anche molto, quella che si è tenuta ieri mattina con inizio alle 11 presso la sede di Largo Italo Gemini 1 a Roma.
Sono stati infatti una ottantina i presenti che hanno risposto alla convocazione firmata dal presidente Antonio Buccioni e considerata la non facile ripartenza del settore dopo un lungo periodo di forzata inattività dovuta ai provvedimenti di contenimento del Covid19, e le varie problematiche connesse, può sicuramente considerarsi un successo.
La categoria ha risposto molto bene e dimostrato di credere in un futuro condiviso, seppure segnato da non poche difficoltà.
L’ordine del giorno era ricco. Si è partiti con il ricordo dei purtroppo tanti circensi che ci hanno lasciato, poi nel merito sono stati affrontati tutti i punti in discussione. Prima l’approvazione del verbale dell’assemblea 2020, in seguito il presidente ha svolto una relazione che ha toccato tutte le questioni aperte e che ha ripercorso l’impegno dell’associazione durante il lockdown finalizzato a far sì che nessuno rimanesse senza “aiuti”. Quindi il voto sul bilancio consuntivo 2020 e sul bilancio preventivo 2021.
Buccioni ha presentato le linee guida sulle quali l’ENC vuole impostare l’attività per il prossimo, imminente, futuro, alla luce del quale tutti i presenti hanno convenuto che ci si muoverà in questa direzione: entro il 15 settembre verranno raccolte le adesioni, che ovviamente implicheranno la condivisine del programma illustrato, e poi insieme a coloro che avranno sottoscritto l’adesione all’Ente Nazionale Circhi si procederà a rinnovare gli organi sociali, incombenza che quindi l’assemblea ha posticipato.
Il presidente ha molto sottolineato il valore della libera scelta individuale, di ciascun rappresentante dei circhi nazionali, come strada maestra per scrivere insieme le prossime tappe che attendono la categoria. Di fatto, quindi, da oggi il tesseramento è aperto e si chiuderà, appunto, a metà settembre. Il prossimo momento assembleare, che verrà tempestivamente comunicato, fisserà in maniera dettagliata e approfondita la carta programmatica dell’ENC e i compagni di strada che decideranno di condividerla convintamente, procedendo anche al rinnovo delle cariche sociali per il prossimo biennio.
Sono seguiti diversi interventi: Livio Togni, Gaetano Montico, Flavio Togni ed altri.
Ha partecipato ad un lungo momento dei lavori, circa un’ora, il presidente Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia Berlusconi Presidente-UDC, che ha tenuto un intervento applauditissimo.
Hanno testimoniato interesse e sostegno l’onorevole Federico Mollicone di Fratelli d’Italia, da tempo a fianco del mondo del circo e delle sue rivendicazioni, l’onorevole Davide Bordoni della Lega e l’onorevole Circo Maschio di Fratelli d’Italia. Il presidente della VII commissione cultura Riccardo Nencini, impossibilitato ad intervenire all’assemblea ENC a causa dei lavori in aula, ha fatto sapere di seguire con interesse le proposte di lavoro della categoria e inviato “un caro saluto al presidente ed ai partecipanti”.
La vicinanza dell’AGIS è stata manifestata dal direttore generale Domenico Barbuto che ha introdotto i lavori. Presente don Mirko della Torre, grande amico della gente del circo, che ha anche portato il saluto del neopresidente della commissione Migrazioni della CEI e arcivescovo di Ferrara-Comacchio, mons. Gian Carlo Perego.
 C’è poi da segnalare il cordiale e incoraggiante messaggio fatto pervenire al presidente dal Dr. Antonio Parente, a capo della Direzione generale Spettacolo del Mic. Di seguito il testo:

“Gentile dottor Buccioni,
particolarmente gradito mi è giunto il Suo cortese invito a voler partecipare all’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci dell’Ente Nazionale Circhi, convocata per il 7 luglio 2021.
Il circo è la forma di spettacolo più antica che oltre ad avere una dignità artistica solida ha sempre cercato di aggiornarsi, divenendo il crocevia ideale tra le arti in tanti momenti della storia. Analizzare il circo come fenomeno onnipresente nel corso dei secoli porta alla luce non solo le evoluzioni e i cambiamenti che esso ha subito nel tempo, ma anche le costanti che dall’epoca romana si sono trascinate fino ai nostri giorni. Proprio ponendo l’accento sulle costanti, ci si accorge che il circo ha sempre occupato un posto centrale nella cultura delle società.
Purtroppo non mi sarà possibile, con vivo rammarico, poter presenziare ai lavori dell’Assemblea a causa di concomitanti impegni ministeriali connessi agli interventi previsti dal PNRR e alla riforma del decreto ministeriale recante i criteri per l’erogazione dei contributi a valere sul Fondo Unico per lo Spettacolo.
Desidero comunque assicurare la massima attenzione della Direzione generale Spettacolo nei confronti del settore e la disponibilità a proseguire la proficua collaborazione con l’Ente nazionale circhi per valorizzare l’attività svolta.
L’occasione mi è gradita per formularLe i migliori auguri di buon lavoro e per porgerLe i più cordiali saluti che La prego di estendere a tutti i partecipanti all’Assemblea”.

Merita infine un cenno particolare l’intervento alla assemblea generale dell’ENC di un neolaureato in giurisprudenza, Francesco Ettorre, che lo scorso giugno ha discusso la sua tesi in materia di concessione di aree urbane e legislazione delle imprese circensi e di spettacolo viaggiante tra norme statali e localismo giuridico e relativi conflitti. Tema attualissimo e spinoso, come sanno bene i circensi che ogni giorno sono alle prese con le domande di autorizzazione per allestire i loro chapiteaux in paesi e città e spesso devono scontrarsi proprio col problema della mancanza di aree pubbliche. Torneremo senz’altro a parlarne.

L’assemblea si è chiusa con il ricordo e, insieme, l’affettuoso tributo a Raffaella Carrà, grande e indimenticata amica del circo.

Short URL: https://www.circo.it/?p=43905

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...