|

Clamoroso: l’assessore di Imola svela le ragioni “culturali” dell’ordinanza anti-circo

L'assessore alla sicurezza del Comune di Imola, Luciano Mazzini

Ecco uno spezzone dell’intervento, clamoroso, pronunciato dall’assessore alla sicurezza del Comune di Imola, Luciano Mazzini nel consiglio comunale del 26.9.2012, nel quale – proprio nelle prime battute – ha motivato gli atti compiuti dall’amministrazione di Imola: “Chiaramente attraverso questa ordinanza vi è anche un risvolto più prettamente culturale che riguarda l’attività circense, che è si una attività regolata e permessa dalla legge, ma come tutte le leggi non è vietato che vengano sottoposte ad una revisione e ad una loro modifica”, ha detto, e poi “pur in presenza di questo quadro normativo e giurisprudenziale si è inteso comunque con questa ordinanza anche sollevare e amplificare – ripeto – il problema di ordine culturale che è quello della presenza degli animali all’interno dei circhi a fini espositivi e/o per pubblico spettacolo…”
Ma l’ordinanza assunta dal sindaco Manca ha ufficialmente ben altra motivazione (non certo culturale), perché un’ordinanza di quel genere può essere assunta, in via eccezionale, per i motivi chiaramente indicati dall’art. 54 del Testo Unico degli Enti Locali, che recita: “Il sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta con atto motivato provvedimenti, anche contingibili e urgenti nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. I provvedimenti di cui al presente comma sono preventivamente comunicati al prefetto anche ai fini della predisposizione degli strumenti ritenuti necessari alla loro attuazione”.
Il sindaco Manca ha motivato la sua ordinanza con l’art. 54, comma 4, appunto, ma a quanto pare in Comune vogliono farsi promotori di una battaglia contro i circhi con animali, ignorando quantomeno il principio della gerarchia delle fonti del diritto, come hanno ricordato vari TAR che hanno annullato i divieti ai circhi assunti dai Comuni, in quanto la materia spetta al legislatore e non è di competenza delle amministrazioni comunali.
Se alle parole dell’assessore Mazzini si aggiunge che ad organizzare le manifestazioni di protesta contro il circo (all’origine anch’esse della ordinanza emessa dal sindaco) è il vicepresidente del consiglio comunale di Imola, compresa la protesta in programma per domani, il quadro si fa molto molto chiaro. A questo link si trova la registrazione audio e video presente sul sito del Comune. Per ragioni culturali il Comune non può vietare un’attività riconosciuta dallo Stato, e fino a prova contraria in Italia vige la libertà d’impresa e “discriminare” una impresa, ledendone i diritti, per ragioni culturali non è consentito a nessuno.

Short URL: http://www.circo.it/?p=23278

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...