Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Asia Perris Denji, una storia italiana

Asia Perris

Asia Perris

Quel cerchio magico è forse uno dei luoghi più adatti alle favole. Asia Perris, 16 anni, è la protagonista di quest’ennesimo sogno. Da un piccolo circo di famiglia, l’Acquatico Denji Show (poche, ma laboriose, braccia e 500 posti a sedere per gli spettatori), al grande successo di Latina che la catapulterà verso un altro e strabiliante festival: New Generation, il Monte Carlo dedicato ai giovani.
Nella rassegna pontina, la giovane artista italiana ha fatto incetta di consensi e di premi: il Latina di Bronzo nella categoria children, il premio Monte Carlo New Generation e l’invito alla prestigiosa kermesse, il premio dell’Ente Nazionale Circhi. Senza avere frequentato l’Accademia o oltre scuole di circo, senza maestri esperti nella sua disciplina (il verticalismo a terra) ma con i suggerimenti del papà Alberto (ex antipodista e suo unico maestro), Asia ha emozionato e sorpreso un pubblico, quello del 17° Festival di Latina, dimostratosi molto caloroso nei suoi confronti, soprattutto nel grande spettacolo conclusivo, quando tutti hanno fatto il tifo per lei.
Sorridente, timida, propensa al sacrificio, umile ma, sulla sua pedana, capace di offrire una performance di livello e di sbalordire per l’incredibile facilità con cui, più volte, si è rialzata dalla spaccata, rimanendo a gambe rigide. Come se una piccola gru la tirasse su per la testa.
Nata dall’unione di due antiche famiglie circensi, papà Alberto Perris e mamma Jenny Denji, Asia è la prima di tre figlie. Dopo di lei sono nate Ashley, 14 anni, che si dedica al mano a mano con la sorella più piccola, Nancy, di soli dieci anni. Tutte e tre, insieme alla madre, si cimentano anche nei pattini acrobatici.
Asia Perris a Latina

Asia Perris a Latina

La storia dei Perris nel circo comincia a cavallo fra ‘800 e ‘900 con il matrimonio fra Achille e Rosa Bizzarro. Tramandando i nomi dei nonni, attraverso i nipoti diretti, la famiglia è composta da numerosi Achille e Alberto. Uno di questi ultimi, figlio di Achille e Amelia Zoppis, è il padre di Asia. Una famiglia che, come sempre accade fra circensi, vanta un felice ginepraio di parentele con i Roccuzzo, i Vassallo, gli Sblattero, i Minetti, i Montemagno, i Pellegrini e i Montico.
Radici antiche nel mondo del circo anche per i Denji che arrivarono in Italia, dalla Romania, alla fine dell’800 quando il macellaio Franz (trisavolo di Asia) sposò Bianca Larible, un cognome di grosso peso della storia del circo italiano. La famiglia odierna da anni gira l’Italia con uno show acquatico diretto da Rodolfo (Rudy) e Ronnie, padre e figlio. Rodolfo è nato invece a Palermo dove ha conosciuto e sposato Margherita Ingrassia, figlia di Elda Zavatta. Per i Denji parentele anche con gli Arata, i Bisbini e i Fornasari.
Le verticali a terra già da 13 anni contraddistinguono la vita artistica di Asia Perris. Aveva appena tre anni quando papà Alberto vide a Monte Carlo l’esibizione del grandissimo artista ucraino Anatoly Zaleski e si innamorò di questa disciplina, convincendosi che fosse maggiormente percorribile da una donna. E così, al ritorno dal Principato, padre e figlia cominciarono a lavorare. Il debutto arrivò appena due anni dopo, ovviamente al circo Denji Show dove mamma Jenny porta sul palco (la struttura non ha pista rotonda) diversi animali: foche, pinguini, istrici e pellicani. Specie diverse che Jenny e Alberto curano insieme durante tutto l’anno.

Come è cominciata l’esperienza al Festival Internazionale del Circo di Latina?
Abbiamo mandato il video della mia esibizione ed abbiamo chiesto ai Montico se mi ritenesse pronta per una manifestazione così importante. Mi hanno risposto di si ed ho cominciato ad allenarmi di più, aggiungendo qualcosa al numero per migliorarlo.

La neo premiata vive da sempre e vuole continuare a vivere nel circo tant’è che, per studiare e ampliare la sua cultura professionale, è iscritta ad un liceo on-line dove riesce ad ottenere ottimi profitti e buoni voti.
Non riesco a vedermi fuori dal circo: ci vivo benissimo. Figuratevi che una volta, per non abbandonare gli studi, non seguì papà e mamma nella loro tournée in Tunisia. Rimasi nella nostra casa di Ardea. Senza spettacoli e senza la nostra vita da circensi, mi sembrava di impazzire.

L’esperienza di Latina, per Asia Perris, è stata bellissima e con un risultato finale assolutamente inatteso.
Non pensavo nemmeno di entrare in finale, altro che Latina di Bronzo e invito a Monte Carlo. Prima di ogni esibizione sentivo dentro una grande tensione, ma quando sono entrata in pista, il sabato, ed ho visto la giuria davanti a me, il cuore mi è arrivato in gola e sembrava che scoppiasse.

Poi con grande sincerità, ma confermando che vorrebbe fare altre esperienze simili, ammette candidamente che la vita degli artisti, in un festival, non è assolutamente una passeggiata.
Per me è stata durissima alzarmi alle 8,30 del mattino per le prove o gli spettacoli per le scuole. Meno male che avevamo il caravan attaccato al tendone e potevo quindi dormire di più rispetto a chi alloggiava in hotel. Ma rifarei altri cento festival. E’ stato straordinario essere a contatto con artisti di tutto il mondo che ogni volta ti salutavano in tutte le lingue. Poi, con me, sono stati tutti gentilissimi e mi sostenevano sempre, come ci conoscessimo da sempre.

Nel suo piccolo ma dignitosissimo circo di famiglia, ci sono gli animali. Logico chiedere del problema “animalisti” a questa giovane e brillante ragazza.
Le battaglie degli animalisti e le relative campagne mediatiche stanno facendo appesantire, per i circhi, la crisi economica già esistente. Magari alcuni di noi potrebbero fare qualcosa per evitare critiche, magari tenendo gli animali in ambienti più puliti e bene accuditi. E questo servirebbe molto all’immagine. Insomma capita che per poche mele marce, l’opinione pubblica vada a generalizzare puntando il dito contro tutto il mondo circense.

Idee chiare, grande umiltà, amore per il circo e il suo lavoro, stretto cordone ombelicale con la famiglia e voglia di imparare e migliorarsi. Vuoi vedere che, con queste positive caratteristiche, Asia Perris riuscirà a stupire anche alla rassegna monegasca New Generation?

Piero Messana

Il servizio compare sulla rivista Circo ottobre 2015

Short URL: http://www.circo.it/?p=38874

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...