|

Il circo è donna. “La rivoluzione in pista” di Maria Vittoria Vittori

di Nicola Campostori

Abbiamo spesso dato conto, su questo sito e sulla rivista Circo, di come l’arte circense abbia saputo nel corso dei secoli affascinare poeti, scrittori, pittori, registi, musicisti, mantenendo un fascino che resiste ancora oggi. Spesso a segnalare le più interessanti commistioni tra forme espressive e discipline dello spettacolo popolare è stata la voce di Maria Vittoria Vittori, giornalista culturale e saggista, collaboratrice di Leggendaria, L’Indice dei libri e Il Mattino. Non è dunque un caso che sia proprio lei ad aver pubblicato un libro dedicato ai rapporti tra circo, letteratura, arte e società. Si tratta de La rivoluzione in pista, edito da Iacobelli nella collana Workshop.
Il volume include sette racconti che, secondo le parole della stessa Vittori, partono dalla pista reale, di segatura, e arrivano a quella simbolica, ovvero lo spazio che il circo ha saputo prendersi nell’immaginario collettivo mondiale. Il sottotitolo, “Storie di donne, circo e libertà”, ci aiuta a individuare i filoni principali lungo i quali si svolge questa ricerca. Innanzitutto, le figure femminili: l’autrice si concentra infatti su scrittrici, filosofe, artiste che in qualche modo hanno saputo far emergere le peculiarità profonde di questo tipo di intrattenimento. Molto azzeccate risultano dunque la copertina, che riporta Un’acrobata che fa la ruota, quadro del 1927 di Suzanne Valadon, anch’essa circense prima di diventare pittrice, e la scelta di presentare il libro durante le ultime Giornate di Studio sull’Arte Circense all’Università degli Studi di Milano nella sezione del laboratorio riservata alle donne nel circo.
Passando poi al secondo tema centrale del saggio, è evidente che le vicende inserite ne La rivoluzione in pista siano tutte emblematiche dell’essenza del circo come luogo (fisico e mentale) di libertà, intesa come possibilità di essere sé stessi aldilà di qualsiasi categoria sociale. Ecco allora l’amore folle tra un giovane nobile e un’acrobata di circo narrato ne L’innamorata, unico romanzo di Contessa Lara, pseudonimo di Evelina Cattermole Mancini (che forse ha trasposto nel suo libro le travolgenti passioni che l’avevano portata all’adulterio con conseguente duello tra il marito e l’amante, seguito dalla morte del secondo e da un divorzio che allora fece scandalo), o le avventure di un gruppo di circensi che ne L’eternità finalmente comincia lunedì di Eliseo Alberto si mischiano con le disavventure degli esuli cubani (dei quali l’autore faceva parte). In questo viaggio nell’universo circo, Vittori propone le riflessioni di Angela Carter, riprendendo la sua concezione dello spettacolo popolare come parte della grande diaspora del sorprendente che dai tempi remoti ha visto esplodere la meraviglia in innumerevoli frammenti sparsi nel mondo, nei quali il circo ha un ruolo centrale, e quelle “politiche” di Maria Zambrano sull’arte del clown, a partire da Grock e Chaplin, quest’ultimo analizzato nella sua incalcolabile influenza nel circo, nel cinema e in generale nella cultura di ogni paese.
Tra i personaggi che affollano questo ricco volume, ci sono anche Aglaja Veteranyi, scrittrice di prosa e teatro che, figlia di artisti rumeni ingaggiati dal Circo Knie, ricorda spesso nei suoi scritti la propria infanzia nel tendone svizzero, e Amanda Davis, che nel romanzo Mi chiedo quando ti mancherò ha trasposto la sua reale “fuga col circo” nella storia di Faith, una ragazza di sedici anni che, bullizzata per il suo peso e poi violentata dai compagni di scuola, scappa col piccolo Circo Fartlesworth, trovando un nuovo senso alla sua vita e una forma di riscatto personale.
In un libro che celebra i personaggi femminili e la libertà insita nel circo non poteva mancare Moira Orfei, ricordata non solo come grande artista ma anche come figura pubblica capace di diffondere un’idea di circo quale comunità accogliente, inclusiva verso tutte le persone indipendentemente da condizioni sociali, credi religiosi, convinzioni personali.
Attraverso volti noti e meno noti, La rivoluzione in pista ci ricorda la ricchezza dello spettacolo circense e la sua vitale connessione al mondo della cultura, dell’arte, della filosofia. Un messaggio da tenere a mente, per continuare a preservare questa preziosa forma espressiva.

Short URL: https://www.circo.it/?p=44368

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...