Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Sincero, spietato bilancio

Mercoledì 22 marzo concludo il mio terzo mandato quale presidente dell’Ente Nazionale Circhi. E’ stato certamente il più difficile: ho operato quotidianamente in situazione di emergenza democratica e di disagio strutturale. Nessuno mi ha fatto sconti.
Con l’opzione per la sintesi evidenzio fatti e circostanze più significative.

Il volo di troppi. Il mesto e triste elenco di tutti coloro che ci hanno lasciato in questo frangente basterebbe da solo a colorare di plumbeo, quando non di tetro, il firmamento del circo nazionale: giovani esistenze spezzate in circostanze incredibili ed inaudite, luminose parabole giunte all’ultimo bagliore del crepuscolo, una classe dirigente – e di quale qualità di dirigenti – decapitata. Il solo pensiero di tutto ciò indurrebbe i più a fuggire lontano, forse oltre gli estremi confini della terra.

Davide contro Golia. La nostra lotta di valori, di civiltà, di libertà si concreta in un’Italia ostile ed ingrata che non ci piace e che stentiamo a riconoscere, per alcuni versi simile ad un cimitero o, meglio, ad un obitorio, per altri supina all’affermazione, quasi un trionfo, del falso e del marcio. Abbiamo assestato qualche buon colpo con le nostre mazzafionde, non ci illudiamo circa le prospettive del futuro, lavoriamo per conservarci e migliorarci italiani liberi in un’Italia più giusta.

Senza munizioni, senza esercito: dignitosi e fieri. In qualsiasi contesto sociale, di fronte a prospettive e pericoli di portata eccezionale, o meglio epocale, qualsiasi comunità avrebbe serrato le fila predisponendo, nei limiti delle proprie possibilità, e forse di più, un arsenale adeguato a fronteggiare la minaccia incombente. Nulla di tutto questo si è verificato. Fa niente. La vita mi ha temprato in tal senso. Ho condotto dignitosamente e fieramente la lotta fino a oggi e non sarò certo io il penultimo a mollare, anzi, confido di trattenermi sul campo di battaglia a contemplare le spoglie del potente, feroce e scorretto nemico annientato ed esanime. Certamente la ferita aperta da chi, mentendo ben conscio di mentire, ha posto in dubbio nei miei confronti onestà e dedizione, non potrà in nessun caso essere rimarginata.

Un giorno anche i circensi cresceranno, speriamo. Più che un sogno consideriamolo un auspicio. Ad ogni buon conto e ad ogni positivo effetto prendiamoci la nostra parte di futuro.

Antonio Buccioni

Short URL: http://www.circo.it/?p=41042

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...