|

La Lav di Grosseto fa pressioni sul Comune

Il Tirreno ha pubblicato due articoli nei quali si riportano gli interventi della Lav, che sta “martellando” l’amministrazione comunale per ottenere il divieto ai circhi con animali, e la presa di posizione di due esponenti politici: Lav contro il Comune per i circhi e Circhi, niente ordinanza: «Qui non si fanno scelte». Il presidente dell’Ente Nazionale Circhi, Antonio Buccioni, ha inviato al Tirreno il comunicato che segue e che oggi è stato pubblicato a pagina 7 della edizione di Grosseto col titolo: “Il Comune non può vietare il circo. Il presidente dell’Ente Nazionale Circhi alla Lav: non bastano le vostre pressioni, c’è una legge nazionale che ci tutela”

Curiosa idea di democrazia quella espressa dalla Lav. “Oltre alle pressioni della Lav”, anche “più di cento cittadini hanno scritto al sindaco”, dichiara il responsabile Lav di Grosseto, chiedendo al Comune di emanare una ordinanza di divieto ai circhi con animali. Secondo la Lega Antivivisezione, dunque, basterebbero una esigua minoranza rumorosa e le pressioni di una organizzazione di parte per ottenere da un Comune la non applicazione dello legge dello Stato (la n. 337 del 1968), e la cancellazione di una inequivocabile giurisprudenza consolidata in materia, che parte dal 1994 e arriva ai giorni nostri.
Cento, ma nemmeno duecento o cinquecento cittadini, hanno il diritto di imporre agli altri 82 mila e più, una ideologia fanatica che non esprime certo la maggioranza né del comune sentire dei grossetani e né, tantomeno, della maggioranza degli italiani.
E’ davvero pericoloso che qualcuno pensi di dettare legge con il metodo della pressione, che rasenta la volontà di sopraffazione, perché questo si che significherebbe farsi beffe del sistema democratico.
Sorvoliamo sulle denunce che piovono sui circhi ma che poi vanno provate nei Tribunali. L’American Circus vanta un ammaestratore che porta il nome di Flavio Togni, il quale ha vinto tre Clown d’Argento e un Clown d’Oro al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo per i suoi numeri con gli animali, frutto di un lungo e attento ammaestramento in dolcezza.
Nel merito, le linee guida Cites non possono essere evocate per introdurre divieti, come ha stabilito l’ultima sentenza (4 luglio 2012), in ordine di tempo, quella del TAR dell’Emilia Romagna, che ha cancellato l’ordinanza di un Comune emiliano che si era proprio richiamato alle linee guida Cites per introdurre il divieto agli spettacoli con primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe e rapaci diurni e notturni: “Secondo un indirizzo giurisprudenziale che il Collegio pienamente condivide, nell’attuale vigente ordinamento giuridico – scrive il TAR – “Se è pacifico il potere dell’ente locale di disciplinare e vigilare nell’esercizio dei suoi poteri di polizia veterinaria sulle condizioni di igiene e sicurezza pubblica in cui si svolge l’attività circense e su eventuali maltrattamenti degli animali, sanzionati anche penalmente dall’art. 727 c.p., non esiste, in contrasto, una norma legislativa che attribuisca allo stesso il potere di fissare in via preventiva e generalizzata il divieto assoluto di uso degli animali in spettacoli, ed anzi un simile intervento si pone in palese contrasto con la legge n. 337 del 1968, che tutela il circo nella sua dimensione tradizionale, implicante anche l’uso degli animali”.
Ma quella sentenza fa chiarezza anche sul ruolo delle associazioni animaliste. In corso di giudizio la LAV è infatti intervenuta ad opponendum, eccependo l’inammissibilità del ricorso, in quanto lo stesso non le era stato notificato quale soggetto controinteressato. Il TAR dell’Emilia Romagna ha invece ritenuto ammissibile il ricorso presentato dal circo Moira Orfei, anche in forza della seguente valutazione: “…non risulta certamente sufficiente, di per sé, la mera qualificazione di associazione che, come altre presenti sul territorio nazionale, tutela in via generale le specie animali, per assumere la veste di soggetto controinteressato in senso sostanziale nel giudizio proposto avverso tale divieto”. Ognuno al proprio posto e tutti rispettosi della Legge, insomma.

Antonio Buccioni, presidente Ente Nazionale Circhi

Short URL: http://www.circo.it/?p=28500

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...