|

La forza del circo vince tutto

Nelle immagini alcuni scatti di Cristian Iotti, in mostra a Pergola dall'8 dicembre

La vita dei circensi sfugge alle letture superficiali. Per capire qualcosa del circo e della sua gente non bisogna cercare nelle convenzioni sociali, nei “riti” che definiscono ruoli e professioni “normali”, in approcci standardizzati e modaioli. Un bravo fotografo deve anzitutto capire la materia che lo invade e poi deve rendercela reale, quasi “biscottata”, avrebbe detto Giovanni Testori, e lo disse davvero trovandosi davanti alle opere di uno scultore come Ilario Fioravanti che nei suoi lavori ha reso il circo proprio alla maniera fragrante di una materia biscottata, da afferrare e possedere, da odorare e assaporare. Anche il fotografo che ha deciso di avventurarsi nel pianeta misterioso e “a-normale” del circo, ha ben capito la materia di cui è fatto. Si chiama Cristian Iotti, vive a San Martino in Rio, a una decina di chilometri da Rio Saliceto, dove la famiglia Togni ha il proprio centro operativo, anzi la propria “Darixcittà”, quasi una Cinecittà popolata però di carovane storiche, centinaia di costumi, chapiteau di vario colore e dimensione, container, attrezzi circensi, manifesti e tanto altro. E forse la vicinanza geografica ha avuto un peso nella decisione di Cristian Iotti di realizzare una personale che ha nei protagonisti del Darix Togni la sua materia espressiva.

Vis Circensis Omnia Vincit: il braccio è di Davio Togni

La si potrà vedere al Sponge Living Space (Casa Sponge) di Pergola, l’armonico entroterra marchigiano, non distante dalla terra dei tartufi, Acqualagna, e ad una quarantina di chilometri dalla rinascimentale Urbino, dall’8 dicembre (giorno della inaugurazione) e fino al 13 gennaio del nuovo anno.
Il titolo è indovinatissimo proprio perché nasce, si potrebbe dire, a fior di pelle: “Vis Circencis Omnia Vincit”. La forza del circo vince tutto. Ma in latino suona meglio e nel caso specifico suona due volte meglio perché nella storia di questo circo c’è un famoso “gladiatore”, il mitico Darix Togni, ci sono imprese che sono rimaste scolpite sui libri, sui giornali ormai ingialliti, in film e documenti in bianco e nero che riposano negli archivi dell’Istituto Luce. C’è un lungo periodo fatto di conquiste e di espansionismo (come per l’antica Roma) dello spettacolo equestre e c’è una idea abbastanza monumentale del circo, quello con la C maiuscola.
La personale di Cristian Iotti è a cura di Corrado, Davio e Livio Togni, vede un intervento critico di Jack Fisher, si svolge in collaborazione col centro internazionale di fotografia Macula, è realizzata con il sostegno di Errebi Consulting Snc di Rossi Enrico e Bonci Silvia e Vecchi Digital Reggio Emilia. Ed è accompagnata da un racconto di Roberto Marzucchi. Capite che intreccio?
Vis Circencis Omnia Vincit non è una invenzione. Non è il refrain di un sognatore che se la canta e se la suona. Non è una favoletta per adulti rimasti bambini. Non c’è trucco e non c’è inganno. Venghino signore e signori venghino a toccare con mano. Davio Togni l’ha fatto diventare lo slogan della propria esistenza. Si è fatto tatuare su un braccio il motto d’orgoglio che dà il titolo alla mostra (è lo scatto fotografico di chiusura del percorso espositivo) e che spiega di che pasta è fatta la gente del circo.

Il manifesto

“La Libertà è una forma di disciplina”, titola questa stagione Casa Sponge. E il circo ci va a nozze.
“All’entrata del circo, sopra alla grande porta, ci sono raffigurazioni vetuste dei tempi che furono al circo: animali, saltimbanchi, giocolieri”, scrive Roberto Marzucchi nel racconto Vis circensis omnia vincit. “Al centro troneggia una scritta, fra i bassorillievi di Ercole e Aristide Togni: “Vis circensis omnia vincit”. Ovvero, la “la forza del circo vince tutto”. Penso ad una possibile citazione da Plauto. Entro, sento dei rumori provenienti dalla pista. Sul suo cavallo bianco “Excalibur” che sbuffa e fuma a causa del sudore e dell’umidità trovo Davio Togni, impegnato in un allenamento. “Non è il sudore” dice Davio, “è lo spirito del cavallo che sale verso il cielo!”. Parole, immagini, materia del circo in questa mostra (visitabile su appuntamento), che arriva nel periodo natalizio ma che ha una durata ben superiore al panettone. Info: +39.339 4918011: www.spongeartecontemporanea.net

Short URL: http://www.circo.it/?p=25685

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...