Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

La famiglia Cavedo in mostra accanto al Museo della Giostra

di Stefania Ciocca

Il taglio del nastro della mostra

Il taglio del nastro della mostra

Il circo si mostra! Ma stavolta non lo fa sotto il tendone né girando per varie piazze, questa volta il circo si mostra…in mostra!
Una mostra dedicata al circo è sempre un’iniziativa positiva sotto più punti di vista.
Il più importante è la visibilità: un’esposizione in un luogo istituzionale porta il mondo del circo davanti agli occhi di tutti diventando così occasione di divulgazione e aprendo le porte di un cerchio tanto magico quanto troppo spesso condannato e bistrattato. Senza contare la pubblicità indiretta che in questo momento è molto gradita dalla gente di viaggio.
In passato ci sono stati illustri precedenti, uno su tutti quello voluto da Alessandro Cervellati che nel 1968 organizzò una mostra dedicata al circo all’interno del milanese Museo del Teatro alla Scala.
Oggi il testimone passa a Bergantino, piccolo paese del Veneto, dove da tempo esiste un museo dedicato alle giostre, arte in cui gli italiani sono ancora adesso grandi maestri artigiani conosciuti e invidiati in tutto il mondo.
Un momento della conferenza stampa

Un momento della conferenza stampa

In passato il confine che separava giostrai da circensi era labile, per non dire quasi inesistente. Spesso infatti artisti fuoriusciti dalla pista decidevano di continuare ad appartenere alla gente di viaggio occupandosi dell’intrattenimento della popolazione da un altro punto di vista e ancora oggi alcuni giostrai sono discendenti di antiche dinastie circensi italiane. Questi due mondi così simili trovano unione nella città di Bergantino da quando al museo della Giostra, voluto da Tommaso Zaghino, si è unita la mostra dedicata al circo ideata da Walter Cavedo che ha deciso di omaggiare così la sua famiglia.
Sono state raccolte fotografie, si sono recuperati materiali di spettacolo come gli strumenti dei clown musicali o gli attrezzi di giocoleria, rovistando in bauli si sono recuperati abiti di scena come quelli da clown o da Monsieur Loyal, e sfogliando album di famiglia è stato possibile avere materiale sufficiente per allestire un’intera esposizione. In questa impresa Walter si è fatto aiutare dal figlio Davide, dalla famiglia del fratelli Giancarlo e dal di questi figlio Gianluca.
Tanta gente sta visitando l'interessante esposizione

Tanta gente in visita all’interessante esposizione

I Cavedo ancora oggi esercitano l’arte della pista e se non sono proprio rimasti a lavorare sulla segatura si occupano di mestieri affini. Infatti mentre Walter e Giancarlo sono stati rispettivamente acrobati e clown (Giancarlo è addirittura segnalato come uno dei dieci miglior clown del secolo scorso), i figli Davide e Gianluca hanno proseguito sulla scia dello spettacolo. Davide è uno dei migliori clown che abbiamo nel nostro paese mentre Gianluca, laureato in regia cinematografica, lavora come consulente per gli spettacoli, è direttore artistico di Mirabilandia, collabora alla regia del Festival di Latina ed è organizzatore di musical. I suoi fratelli orbitano tutti nel mondo del circo pur non vivendo più in pista, e così abbiamo Andrea che lavora nel marketing e si occupa dei siti dei complessi circensi italiani e Barbara, figura dalla storia particolare, che da giovane ha subito l’amputazione di un braccio in seguito ad un incidente con un leone e da allora ha approfondito la conoscenza del mondo degli animali tanto da diventare veterinaria.
Il vantaggio che questa mostra ha è senza dubbio il fatto di essere ideata, gestita e costruita da veri circensi che mettono in mostra il loro passato raccontandolo al presente e facendo in modo che le generazioni future possano sviluppare amore e passione, o anche solo semplice conoscenza, per questo mondo che oggi si vede fugacemente in televisione e non sempre sotto riflettori positivi.
bergantino-mostra-cavedoLa mostra è costruita, ovviamente, rispettando la struttura circolare del circo: alle pareti numerose fotografie immortalano e mostrano al pubblico la vita dentro, al centro e fuori dallo chapiteau ma ciò che rende ancora più affascinante la mostra è la possibilità di visionare film e video e di vedere dal vivo gli attrezzi che vengono solitamente usati in pista. Sono normale routine per persone come i Cavedo, ma l’idea vincente è stata quella di considerare che la gente comune, i fermi, non hanno mai visto da vicino nemmeno la segatura della pista. Proprio per questo motivo accanto alle foto, illustrazioni e materiali esposti si sono accompagnati dei cicli di incontri dedicati soprattutto alle scuole per fa sì che i bambini possano conoscere cos’è la vita nel/del circo. L’inaugurazione è stata allo stesso tempo un momento di festa e istituzionale, col taglio del nastro per l’apertura ufficiale, un clown presente tra la folla e una conferenza stampa ha avuto luogo tra i colori e le atmosfere magiche di quegli oggetti. La cittadinanza ha ammirato il materiale raccolto potendo anche confrontarsi con la famiglia Cavedo, naturalmente presente.
E’ altresì vincente l’idea di non dimenticare quanto il circo sia stato nutrimento per tante forme artistiche, dalla pittura al cinema, dalla moda all’illustrazione. Senza dubbio un luogo che raccoglie le atmosfere di questo mondo trasmettendole alla gente comune, e soprattutto ai bambini, è un reale vantaggio in quello che Gianluca definisce “un momento difficile per il circo, ma l’importante è non perdere le speranze e proprio il museo di Bergantino potrebbe avere la funzione di risvegliare interesse nei confronti del circo, disciplina così antica che ha fatto la gioia di generazioni”.

Short URL: http://www.circo.it/?p=32612

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...