Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Il racconto di un vegetariano: “Al circo ho visto amore per gli animali”

Valeria Valeriu

Il circo di Mosca si trova a Rovereto (fino al 25 aprile) con gli animali della famiglia Valeriu. Gli animalisti hanno organizzato la solita parata con tutto l’armamentario della loro prevenuta ideologia. Probabilmente farebbero lo stesso (come un disco rotto che si accende in automatico) anche se si trovassero davanti alla scena di San Francesco e il lupo. Ma è accaduto qualcosa di imprevisto. Cosa? “Al circo ho visto amore per gli animali”, titola un quotidiano locale, aggiungendo che è questo il “verdetto di un animalista” che ha messo il naso dentro il circo e si è ricreduto. Ha avuto il coraggio di mettersi in discussione, ma soprattutto il desiderio di capire, di vedere coi propri occhi, anziché di seguire i luoghi comuni. E quello che ha visto l’ha scritto sulla pagina Facebook di un gruppo molto frequentato (“Se sei di Rovereto”). “Come tutti gli anni è arrivato il circo a Rovereto. Come tutti gli anni si aprono le solite polemiche. Sterili perlopiù, chiacchiere da bar, chiacchiere da chat, un male digitale con un potere veramente grande. Premetto che non sono mai andato al circo, se non da piccolo. Fagocitato da attività e doveri pensavo oggi che era ignobile detenere animali al di fuori del loro habitat, ed il tempo per le pinzillacchere lo spendevo altrove. Detengo io stesso (legalmente) due pappagalli africani, abbiamo tre cani (di cui due da maltrattamenti ed il terzo preso al vecchio e fatiscente canile), sono vegetariano per scelta etica, così come mia moglie…”, scrive Luca Del Viscovo. La sua non è una “verità inoppugnabile, quanto una testimonianza di quanto i miei occhi abbiano visto, i miei sensi percepito”.
Così con la moglie e i figli è andato al circo “per parlare con la “direttrice” presumo, una signora dai modi garbati”, quando “le luci dei riflettori erano spente”. Ecco le sue considerazioni: “Io non nego che in passato, e non parlo del circo visto oggi, vi siano stati maltrattamenti di animali. Orsi picchiati in spettacoli russi, addestramenti fatti in maniera barbara…. Ho sempre pensato che i circensi, e magari alcuni lo fanno, sfruttassero gli animali. Mi sono dovuto ricredere perché oggi con umanità ci hanno aperto le porte, così come le aprono alle varie associazioni che vogliano visionare lo stato degli animali. Addestramento: la tipologia d’addestramento da me riscontrata è quella del riflesso condizionato. Il caro e vecchio Ivan Pavlov… Dunque attraverso esercizio-ricompensa gli animali sotto forma di gioco imparano mansioni atte allo spettacolo. Gli animali, hanno una socialità sviluppata e benché al di fuori del loro habitat gli addestratori hanno ricreato un equilibrio al fine di compensare quella che è l’indole e l’istinto. Lo facciamo anche noi con i cani, con i volatili, con i compagni animali di tutti i giorni. Ho visto la famigerata frusta, atta a divenire l’estensione del braccio per dare il comando a molti animali, non per infierire sugli stessi. Ho visto lo sguardo dei leoni, ho visto il rapporto con i circensi al di fuori dello spettacolo… ed ho visto lo stesso amore che ho io per i miei animali”. La conclusione che questo attento e non prevenuto visitatore trae, va però al di là di Rovereto, e merita di essere ribadita perché ha molto a che fare col dibattito in corso sul Ddl 2287-bis: “Sarebbe innaturale portare via quelle creature, inadatte alla vita naturale poiché nate in cattività e contaminate dall’uomo con il quale hanno uno splendido legame. Sarebbe come lasciare un bambino in un bosco e pretendere che questi sopravviva. I circensi vendono sogni, questo è lo scopo del circo… trovare il bambino interiore che in quelle due ore di spettacolo possa dimenticarsi di tutto lo stress ed il disagio che la vita frenetica di oggi impone. Gli animali si esibiscono sotto forma di gioco e questo non li stressa, li aiuta a rimanere in forma ed equilibrati… Dunque prima di spalare sentenze come è facile fare nascosti dietro un monitor io dico: provate, andate, chiedete, vedete. Io ho visto e mi sono fatto una mia opinione. E volevo condividerla con voi concittadini. Martedì andrò a vedere lo spettacolo. E mi farò un’idea ulteriore. Ma quello che ho visto oggi era amore da parte di uomini per gli animali… che vivono in cattività come noi”.
Non è l’unica testimonianza del genere che si può leggere sullo stesso gruppo Facebook. Aprire le porte, spiegare, mostrare, dialogare, si dimostra la scelta vincente. Quando gli animalisti hanno sparato le solite cartucce, la risposta del circo è stata: “Non nascondiamo nulla, chi vuole può venire a verificare”. Appunto.

Short URL: http://www.circo.it/?p=41175

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...