Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Il Comune di Padova soccombe davanti al Tar: vittoria dell’American Circus

Flavio Togni (fotografia di Stefania Ciocca)

Flavio Togni (fotografia di Stefania Ciocca)

“Non sussistendo alcuna norma di rango primario che conferisca ai Comuni il potere di proibire, in linea generale ed astratta, l’utilizzo di animali esotici negli spettacoli circensi, ne deriva (fermi restando i poteri di polizia veterinaria e di tutela della sicurezza pubblica e dell’ordine pubblico in capo alle Autorità competenti) l’illegittima dei provvedimenti impugnati che, pertanto, devono essere annullati laddove viene stabilito il suddetto divieto generalizzato di utilizzo di animali esotici negli spettacoli circensi”. Così il Tar del Veneto si è espresso, con sentenza breve, in merito al ricorso presentato dalla società Circo nel Mondo di Ennio Togni, coadiuvata dall’Ente Nazionale Circhi), difesa dagli avvocati Giulio e Pietro Cerceo, contro il Comune di Padova che, davanti alla richiesta di plateatico presentata dal complesso, aveva risposto che “le attività circensi consentite sono quelle che non prevedono spettacoli con animali esotici”.
I magistrati della sezione terza, presieduta da Oria Settesoldi, scrivono che “come già condivisibilmente rilevato dalla giurisprudenza amministrativa: “La vigente normativa in materia di circhi equestri e spettacoli viaggianti – l. 18 marzo 1968 n. 337, art. 1 – riconosce espressamente la funzione sociale dei circhi equestri e ne sostiene il consolidamento e lo sviluppo, stabilendo, inoltre, al successivo art. 9, l’obbligo, per le amministrazioni comunali, d’individuare adeguati spazi, nell’ambito dei loro territori, per l’installazione degli impianti e per l’esibizione degli spettacoli circensi, mancando invece alcun divieto d’impiego, in detti spettacoli, di animali appartenenti a diverse specie, con conseguente quanto palese illegittimità dell’ordinanza sindacale che contrasti con tale specifica e vigente disciplina nazionale in materia di spettacoli circensi: infatti, se è pacifico il potere dell’ente locale di disciplinare e vigilare, nell’esercizio dei suoi poteri di polizia veterinaria, sulle condizioni d’igiene e sicurezza pubblica in cui si svolga l’attività circense e su eventuali maltrattamenti di animali, sanzionati anche penalmente dall’art. 727 c.p., non esiste, in contrasto, una norma legislativa che attribuisca allo stesso il potere di fissare in via preventiva e generalizzata il divieto assoluto di uso degli animali in spettacoli ed anzi un simile intervento si pone in palese contrasto con la l. n. 337 del 1968, che tutela il circo nella sua dimensione tradizionale, implicante anche l’impiego degli stessi.” (TAR Emilia Romagna, Sez. II, sent. n.470/2012)”. Più chiaro di così non si potrebbe.

Short URL: http://www.circo.it/?p=40383

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...