Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Il circo nella terra di Putin si affida a una donna manager

di Ivan Eotvos

Farzana Khalilova, al fianco del clown David Larible, al convegno che si è tenuto di recente a Mosca in occasione del Festival Idol

Farzana Khalilova, al fianco del clown David Larible, al convegno che si è tenuto di recente a Mosca in occasione del Festival Idol

Ogni paese ha le proprie eccellenze in campo circense e la Russia non fa ovviamente eccezione. Ma se si domanda al nuovo amministratore delegato della Russian State Circus Company “Rosgostsirk” (ovvero l’impresa federale del circo in Russia) chi sia, tra i tanti artisti di calibro internazionale della scuola russa, il “Principe” del circo russo, l’artista per eccellenza, il più rappresentativo, si otterrà solo un sorriso di circostanza, un imbarazzo formale e una risposta estremamente diplomatica: “In Russia tutti i nostri artisti sono principi”. La stessa domanda nell’ambito circense ufficiale non solo italiano, ma europeo più in generale, avrebbe scatenato forse una risma di machiavelliche considerazioni, probabilmente alla ricerca di un equilibrio sapientemente calibrato tra sincerità, convenienza e astuzia.
Il Rosgostsirk  ha presentato al Festival di Latina due esibizioni di alto livello: in questa foto l'ensemble acrobatico di Andrei Kovgar

Il Rosgostsirk ha presentato al Festival di Latina due esibizioni di alto livello: in questa foto l’ensemble acrobatico di Andrei Kovgar

L’occasione per ascoltare e intervistare Farzana Khalilova si è avuta questa mattina al Grand Hotel Flora di Roma, dove la manager del circo di stato russo ha incontrato la stampa italiana, presente anche il presidente dell’Ente Nazionale Circhi, Antonio Buccioni.
Nell’impresa del circo russo regna la “ragion di Stato”, laddove il circo viene visto come un’arte di grande importanza, una vera emanazione dello spirito prima sovietico e poi più propriamente russo. Non i nomi, ma il complesso che questi nomi sono in grado di generare, sono la parte sostanziale della grande opera che il Circo di Stato russo cerca di mettere in piedi. E per farlo si affida ad una signora elegante e gentile, del tutto simile nell’aspetto e nei modi all’immagine di una tranquilla casalinga russa, di una madre attenta ai soldi della spesa e agli ingredienti per la tavola. Ma con una laurea con lode in economia aziendale e una carriera trentennale nell’amministrazione circense in Russia.
Farzana Khalilova ha anche partecipato ad una conferenza stampa al Festival di Latina, sottolineando che Rosgostsirk sta attuando un grosso programma di rinnovamento in questo periodo che mira all'ammodernamento di tutto il sistema del circo russo. E' per questo - ha detto - che riteniamo molto importante farci rappresentare da due diverse troupe di artisti in un unico Festival, un gruppo esordiente e un ensemble di acrobati veterani che ha sorpreso il pubblico internazionale per 13 anni

Farzana Khalilova ha anche partecipato ad una conferenza stampa al Festival di Latina, sottolineando che Rosgostsirk sta attuando un grosso programma di rinnovamento in questo periodo che mira all’ammodernamento di tutto il sistema del circo russo. E’ per questo – ha detto – che riteniamo molto importante farci rappresentare da due diverse troupe di artisti in un unico Festival, un gruppo esordiente e un ensemble di acrobati veterani che ha sorpreso il pubblico internazionale per 13 anni

Classe 1956, vaporosa pettinatura bionda, elegante e sobrio abito verde smeraldo, la signora Farzana Khalilova ha un curriculum di riguardo: nominata e premiata in diversi riconoscimenti per operatori e dirigenti culturali, afferma di aver incontrato il circo nella sua vita “grazie al destino” e di esserne estremamente felice. Prima direttrice finanziaria, e poi amministratrice delegata nel circo di Tyumen – sua regione di origine – spiega come la sua amministrazione si impronti sul modello del “buon padre di famiglia” o in questo caso della madre. “Io cerco di trattare tutti conservando lo spirito primario del circo, che ci vede tutti uniti nelle medesime difficoltà, impegnati per una causa comune – che è anche la mission della sua attività – di portare sempre più in alto la nostra forma d’arte”.
Naturalmente non basta lo sguardo dolce e le quasi languide parole di questa elegante signora per convincerci del fatto che una azienda che produce fatturati importanti in diversi ambiti, che ottiene finanziamenti, come dichiarato dai collaboratori del nuovo amministratore, per oltre 20milioni di euro, che fa importanti investimenti, incorpora 70 aziende tra cui 38 circhi stanziali e 12 itineranti, conta 8000 dipendenti, amministra, cura e sposta più di 2000 animali di 140 specie diverse in 207 numeri in tutto il mondo, possa reggere tante responsabilità vestendo i panni della mamma di famiglia.
rosgostsirk-festival-di-latinaEvidentemente in questa tranquilla signora c’è molto più di quello che vuole dare a vedere, e traspare dal sorriso diplomatico con cui seppellisce il nome dell’artista più rappresentativo del circo russo. Sono tutti principi, dice, e con questo non annulla affatto l’idea che taluni siano migliori di altri, ma dimostra il rigore della “ragion di Stato” che descrivevamo in principio, contrapposto alla splendida avventura delle singole famiglie del circo europeo, che però appaiono, di fronte alla ragguardevole macchina culturale del circo russo, una costellazione di Città Stato di stampo rinascimentale.
E’ inevitabile che questa differenza di vedute si ripercuota anche negli spettacoli, e come ci spiega la delegazione russa, presente a Roma per assistere la comitiva degli artisti russi al quindicesimo festival di Latina, le differenze in pista sono varie. Una delle principali è l’assenza quasi totale di commento. Secondo i responsabili artistici del Rosgostsirk nelle piste italiane in particolare “si parla un po’ troppo” riferito al largo uso che si fa di presentazioni, sebbene si ribadiscano i complimenti per le eccellenze nostrane, primo fra tutti l’applauditissimo clown Larible, che in Russia ha ottenuto un grande successo di pubblico.
Farzana Khalilova (in questa foto in pista per la premiazione al Festival moscovita Idol) dirige la principale organizzazione circense in Russia: raggruppa 70 compagnie con oltre 8 mila persone e più di 2 mila animali

Farzana Khalilova (in questa foto in pista per la premiazione al Festival moscovita Idol) dirige la principale organizzazione circense in Russia: raggruppa 70 compagnie con oltre 8 mila persone e più di 2 mila animali

E di pubblico ce n’è davvero tanto in quel paese, che, viene stimato, può contare su un pubblico piuttosto fidelizzato di oltre 14 milioni e mezzo di spettatori.
“Il nostro obbiettivo primario è migliorare ulteriormente la nostra stabilità finanziaria – ci dice la neo amministratrice delegata – e per questo il nostro piano di azione copre una fascia temporale che arriva al 2020”. Le previsioni finanziare per la stagione 2014-2015 parlano di altissimi ricavi e di spese contenute, per lo più, ripianate in una delle molteplici attività che questa grande azienda comporta. Perché non ci sono solo gli spettacoli, ma anche un grande indotto di persone che gli spettacoli li creano, ne fanno i costumi, ne amministrano le sale, ne fabbricano gli scenari, amministrano l’aspetto burocratico, gli agenti degli artisti, la promozione. Insomma, una azienda che si presenta al mondo fiera della sua radice ben salda nel ministero della cultura russo, che dichiara di scoppiare di salute e di volontà di crescere. Certo, tutto questo potrebbe essere preso ad esempio dai ministeri europei, alcuni dei quali – e l’Italia tra questi – non si rendono conto di quale grande opportunità potrebbe essere il circo nell’ambito culturale.
Il secondo numero del Rosgostsirk a Latina: il gruppo di Igor Stynka

Il secondo numero del Rosgostsirk a Latina: il gruppo di Igor Stynka

Ma le condizioni per ottenere una simile organizzazione non comprendono solo il rigore nella tenuta dei conti e l’abilità degli artisti. Condizione primaria per una centralizzazione così forte è prima di tutto l’apertura che il circo russo ha verso l’esterno. Sebbene la delegazione russa affermi che la prima disciplina in ordine di importanza sia l’ammaestramento degli animali in Russia – e non c’è da dubitarne – la maggiore esportazione di attrazioni avviene nel campo dell’acrobatica, dell’equilibrismo e delle arti fisiche. Gran parte della forza lavoro di queste attività vengono da ragazzi che si sono precedentemente preparati nelle palestre ginniche o in attività sportive e agonistiche. Questo nel circo di tradizione italiano, francese ed europeo in genere non avviene in egual misura, visto che l’arte è più affidata al sapere dei padri verso i loro figli. Un circuito più chiuso, a suo modo più purista, che difficilmente troverebbe un inquadramento nel grande disegno dell’arte circense russa, sebbene l’apprezzamento tra le due scuole e le commistioni ci siano pure state.
rosgostsirk-festival-latinaMentre il circo russo “confedera” in un certo senso migliaia di operatori, rendendoli “arte di Stato” e facendoli rientrare nella “ragione di Stato”, il circo tradizionale europeo si muove su un fronte più rivolto al singolo. Al singolo circo, alla singola famiglia, quando non alla singola persona. In Europa tutti vogliono davvero essere i principi, forse, e per riuscirci si muovono gli sforzi e le passioni dei singoli, si fanno grandi disastri, ma anche gloriose architetture. Si aprono grandi fronti polemici, a volte addirittura delle “guerre”. Ma anche dei veri periodi d’oro. Per il circo russo invece il vero principe è il circo russo stesso e, allargando la veduta, la Russia in generale. E questo genera una grande organizzazione, in grado di presentare le prospettive economiche per i decenni avvenire, e siano benedette le aziende che al giorno d’oggi dichiarano di essere già fuori dalla crisi. Ma laddove sono tutti principi per logica conseguenza nessuno è davvero nobile, il rischio di uniformarsi diventa grande. I pro e i contro di due modi di intendere l’amministrazione dell’arte circense.
La manager del Rosgostsirk, Farzana Khalilova ha definito la kermesse di Latina (della quale è membro di giuria) “il festival del circo al momento più importante dopo Monte-Carlo”, aggiungendo che “loro sono alla 15esima edizione, in Russia solo alla sesta, ma presto arriveremo al loro livello”. Un po’ come dire che è solo questione di tempo, e anche questa è una promessa più da capitano d’azienda che da tranquilla madre di famiglia. Doti che può darsi coesistano entrambe in Farzana Khalilova ed entrambe emergano nei momenti più opportuni.

Short URL: http://www.circo.it/?p=32627

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...