|

Giovanni Arpino

Non importa che ora un grande circo abbia necessità di ragionieri, di contratti pubblicitari, di ufficio stampa, e si sia dato una struttura di piccola industria. L’odore è ancora quello, di selvatico, di trucioli, di pellicce animali umide, di letame e benzina, la confusione è antica e commovente, il richiamo che esercita agisce nel profondo dello spettatore bambino e dello spettatore adulto.
Giovanni Arpino

Short URL: http://www.circo.it/?p=24788

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...