|

Darix e Maccheroni insieme: la nuova sfida dei Togni

A Rio Saliceto si stanno dando gli ultimi ritocchi alla nuova creazione che esce dal cilindro dei fratelli Livio, Corrado e Davio Togni. Debutta a Reggio Emilia il 29 novembre e punta alla innovazione. Nel quartier generale dei Togni, vicino a Carpi, anche se la pioggia è cominciata a cadere dal mattino, si prova, si alzano le antenne, si sistemano i costumi, si caricano attrezzi e chapiteau, si preparano i pochi mezzi che porteranno in giro il piccolo tendone rosso e giallo col doppio marchio: “Darix Togni – Circo Maccheroni”. Pochi mezzi, diciamolo subito, perché la scommessa è quella di far leva sul sogno, sul fascino, sulla identità, sullo stupore, sulla originalità e non sulla “quantità”. Dice proprio così Livio Togni per presentare il circo che si prepara ai riflettori.
“Oggi un circo grande in Italia non può non avere un giro adeguato di piazze, ma è quasi impossibile averlo. Noi siamo ancora in attesa di una risposta da Genova, a Torino è finita come è finita (anche se adesso la vicenda è in mano agli avvocati)”, spiega Livio Togni. E da queste difficoltà con le quali il circo ha dovuto, suo malgrado, misurarsi, è scaturita la pensata dei Togni: perché non ripartire con un “prodotto” nuovo, ridimensionato, ma assolutamente non scontato ed anzi capace di giocare la carta della sorpresa? Basta vedere la linea di manifesti per capire che questa è stata la scelta di marketing uscita da Rio Saliceto: “Solo per i più coraggiosi” si legge su un manifesto sopra all’immagine di un Tyrannosaurus rex, e in effetti un “esemplare” di circa due metri che sembra uscito dal laboratorio di Carlo Rambaldi, è pronto per essere caricato alla volta di Reggio Emilia. Oppure: “l’uomo invisibile… chi l’ha visto?” Su tutti uno slogan rassicurante: “soddisfatti o rimborsati”. Anche le strade della pubblicità del Darix & Maccheroni saranno battute con un pizzico di eccentricità e on the road, in bicicletta… con pannelli incorporati. Vietato svelare tutto e subito. Il gioiellino va scartato con cura e lentamente. Livio Togni ci tiene.
Si parte da Reggio Emilia (presso il centro commerciale “I Petali”), dunque, dove il circo resterà fino al 9 dicembre con due spettacoli al giorno dal lunedì al giovedì (ore 17 e 18,30) tre il venerdì (ore 17, 18,30 e 20,30), quattro il sabato (ore 15, 17, 18,30 e 20,30) e altrettanti la domenica (ore 11, 15, 17 e 18,30). E la tappa successiva sarà Guastalla dall’11 al 16 dicembre (stessi orari), in attesa di conoscere il seguito. In bocca al Tyrannosaurus rex.

Short URL: http://www.circo.it/?p=25651

Comments are closed

Archives

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...