Il Circo del Papa
MILANO, TORINO, FIRENZE, BARI, PADOVA, ROMA, NAPOLI, PALERMO... SCOPRI IL CIRCO PIU VICINO A CASA TUA!
|

Astley, il sergente che ha inventato il circo moderno

In un album che si rispetti di “stelle del circo” (che andremo via via ad incrementare) non può mancare colui che da tutti gli storici è riconosciuto come il “padre del circo moderno”. Philip Astley era un militare inglese arruolato nel 15° battaglione dei Light Dragoons, armigeri a cavallo.
Ma la sua fama inizia quando si toglie la divisa. Nel 1766, ormai sergente maggiore, lascia l’esercito, si sposa ed inizia a tenere degli spettacoli equestri all’aria aperta, a Londra, in uno spazio a forma ellittica vicino a Westminster Bridge. Già altri prima di lui avevano presentato spettacoli con cavalli, ma Astley porta l’arte equestre ai massimi livelli dell’epoca introducendo figure e stili ancora oggi utilizzati. Del resto l’Inghilterra era il paese adatto al lancio di attrazioni equestri, non a caso aveva aperto le prime piste per le corse dei cavalli nel 1711.
Nelle sue continue esercitazioni Astley intuisce che la forza centrifuga gli permette di stare in piedi sul suo purosangue Gibraltar se questo galoppa in un cerchio. E’ una scoperta decisiva perché nasce così, esattamente dal 1768, la pista del circo.
La sua Astley’s Riding school ottiene grande successo e da buon imprenditore Astley comincia a costruirvi attorno dei cancelli e dei padiglioni per gli spettatori, fino a che, nel 1799, vi aggiunge una copertura e l’arena viene rinominata Astley’s Royal Amphitheatre of Arts.
E’ a questo punto che l’artista inglese pensa di fare un altro passo avanti: migliorare lo spettacolo inserendovi dei musicisti, un uomo forte, un giocoliere, un funambolo, dei cani ammaestrati, degli acrobati in piramidi e il pezzo comico del sarto conosciuto come The Tailor’s ride to Brentford.
Alle esibizioni equestri unisce numeri di varietà ed animali ammaestrati: mixate tutto e avrete lo spettacolo del circo moderno. E’ questa, infatti, la struttura caratteristica del circo ancora in uso ai nostri giorni. Ad Astley va anche il merito di aver inserito per primo delle scene comiche tra il ringmaster ed i clowns. Un classico di tutti i circhi del mondo.
Dopo il successo londinese Astley, attorno al 1780, porta la compagnia in tournée in Francia e fonda a Parigi l’Amphitheatre Anglais Astley. Qui una normativa gli vieta di esibire prodezze e acrobazie su palco, consentendole solo sui cavalli. E’ allora che l’astuto britannico monta una grande piattaforma sopra alcuni cavalli per presentare egualmente i propri spettacoli. In Francia Astley influenzerà lo stile dei Franconi, così come quello di tutti quanti si dedicheranno all’arte in quegli anni.
Nel 1794, tornato in patria, Philip deve assistere alla rovina del suo anfiteatro distrutto dalle fiamme. Lo ricostruisce, ma nel 1803 è abbattuto da un altro rogo, che questa volta causa anche la morte di alcuni suoi familiari. Non si dà per vinto. L’anfiteatro viene di nuovo ricostruito. Philip Astley esce definitivamente dalla scena del mondo nel 1814, quando ha 72 anni. Ma lascia una invenzione che non tramonta, il “più grande spettacolo del mondo”.

Short URL: http://www.circo.it/?p=3311

Comments are closed

Comments recenti

  • Raffaele: Giusto
  • canessa dottor francesco: è vergognoso il sindaco di pavia e assessore annesso devono solo vergognarsi per la...
  • claudiom: ne riparleremo il prossimo anno. Credo che per lei sarà una delusione.
  • Marta: Raga’ forse vi dovreste documentare un po’ meglio, il piu’ patetico dei commenti e’...
  • Montico Giorgio: ricordiamoci che il sindaco Renzi può fare quello che vuole se sie puntato ed e messo alle strette...